Verbale Cd 8lug2010

Verbale CD (allargato) 8 luglio

Presenti: Giovanna la cuciniera capa di casa, Mary W., Adele con la panza, Anna, Aldo unico maschio con il sigaro a capotavola, Ale Ruggiero maestra di caponata, Marina la ferrigna, Paola Napoletano e per finire ma non ultima la nostra Presidenta IAIA.

Punti di discussione:

  • 1. Logistica fresco e prodotti a più lunga scadenza
  • 2. pes-des
  • 3. proposte per settembre (formazione, etc.)
  • 4. varie

Gli ultimi eventi verificatisi (fresco che marcisce in bottega, mancanza di una persona deputata all’accoglienza del fresco in bottega centro, etc.) hanno fatto porre in discussione l’attuale organizzazione del GAS. Una proposta maturata in seno al CD è stata quella di prevedere, in mancanza di un gasista che se ne occupi, per l’accoglienza del fresco in bottega, un rimborso ore lavorate per un dipendente della bottega o un altro lavoratore deputato allo scopo. Tale proposta, da sottoporre naturalmente all’assemblea, cmq è secondaria a quella di regolarizzare l’arrivo del fresco: a FDZ come a Marialuisa verrà imposto di consegnare esclusivamente in un determinato intervallo di tempo (pausa pranzo), pena la non accoglienza della merce. Tale norma a FDZ verrà comunicata nell’incontro del 9 Luglio che si terrà ad Aversa organizzato allo scopo di chiarire le questioni emerse negli ultimi tempi. L’orientamento emerso dalla discussione, a tal riguardo, è stato quello di definire meglio diritti e doveri di entrambe le parti, allo scopo di non fare del nostro rapporto con i produttori un volontariato e basta, con spreco di tempo ed energie: essere consumatori consapevoli e critici comporta anche avere dei diritti riconosciuti. Per quanto riguarda la logistica relativa agli altri prodotti, urge fare leva su tutte le nostre risorse umane: allo scopo è necessario predisporre entro fine agosto quel calendario trimestrale di cui si è già parlato: Adele nei prossimi giorni chiamerà a raccolta (telematicamente) i vari referenti dei prodotti allo scopo di avere a breve da essi un quadro preciso delle prossime call e delle risorse umane necessarie ad un loro corretto svolgimento. (Banca del Tempo???) A questo proposito va ricordato che attualmente sono state rinnovate 52 quote per il secondo anno dell’APS: c’è stato un certo calo rispetto all’anno precedente e rispetto ai quotisti è emerso che solo una quindicina partecipa alle varie attività. E’ emersa a tal riguardo una certa stanchezza da parte di alcuni membri del direttivo e non nell’essere ancora propositivi e attivi: l’orientamento previsto è quello di diminuire l’impegno nel caso ci si senta troppo affaticati e magari nel rivolgere la propria attenzione ad attività cui ci si voleva dedicare da tempo, come l’attività di formazione, e alla quale non ci si è dedicati per l’impegno profuso nell’area prodotti- produttori. (Questa area vede comunque un grande impegno futuro da applicare all’ambito AGEROLA, occasione di crescita e collaborazione da non sprecare in nessun caso, ma che va curata e supportata).
Come si può notare, le riflessioni emerse fino a questo punto tirano in campo varie questioni: i rapporti con la cooperativa, l’utilizzo delle risorse umane e finanziarie, il settore formazione. Riguardo ai rapporti con la cooperativa si proporrà all’assemblea di decidere definitivamente il contributo da destinare alla cooperativa per i locali che ci ha da sempre messo a disposizione (e non solo): tale contributo, si propone, potrebbe essere pari all’1 % della maggiorazione che applichiamo sui prodotti. Per quanto riguarda la formazione, rimane valido il proposito di dedicarvisi con più attenzione da settembre, (anche a discapito di una call), ma cmq di legarla sempre alla sfera dei prodotti; le pes potrebbero diventare un ambito privilegiato delle occasioni di formazione, in modo tale da sopperire ad una mancanza di “attività non commerciali” ravvisate all’interno delle pes. Riguardo a queste ultime, e alla loro probabile integrazione con la sfera del fresco, c’è una proposta in discussione al tavolo Des che estende alle associazioni del distretto la possibilità di rifornirsi anche attraverso le piazze ai prodotti dei produttori delle Pes in cui potremmo inserirci come gas a livello della logistica in maniera conveniente.
Il primo evento di formazione che si organizzerà si pensa possa essere con Vera e le sue scarpe di Scampia (se ne potrebbe parlare alla riunione gruppo info con la bottega del 13 Luglio).

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License