Resoconto090313

Resoconto 090213

Riunione del GAS Friarielli del 13 marzo 2009

L’ordine del giorno della riunione coordinata da Paola e Paolo era:

  • organizzazione gruppi di lavoro
  • valutazione prodotti in corso
    • aggiornamento mozzarella (con l'intervento di Maurizio Castaldo)
    • aggiornamento pelati
    • regolamentazione call per il vino
  • nuove proposte prodotti
    • scarpe astorflex (giovanna)
    • pane di montecalvo irpino (ugo)
    • additivi eco per la pulizia e polvere per lavastoviglie (alessandra)
    • aggiornamenti dalla visita a casacuma del 1 marzo (varie persone…)
    • produttore formaggio (alessandra)
  • suggerimenti per gestire meglio la mailing list
  • informazioni sulla campagna "Diritto al cibo" (gruppo campagne)

Sono presenti:
Alessandra Ruggiero, Giorgio Quaranta, Pasquale Castaldo, Loredana e Maurizio De Stefano, Roberta Alvino, Marina Cotone, Francesca Avitabile, Giovanna D’Alonzo, Giulio De Palma, Stefania Boffola, Aldo Pappalepore, Elio De Vescovi, Sara Sorrentino, Nunzia Langella, Francesco Loi, Flora Mucillo, Adele Spina, Anna Grandone, Lorenza Biasco, Lous Benjiamin, Cristina, Iaia Masullo, Eduardo e Pina De Luise, Ernesto Castaldo, Maurizio Castaldo, Massimo Lampa, Maria Desiderio, Alessandra Rocco, Julie Faucher, Paola Napolitano, Paolo De Crescenzo.

1 News dai gruppi di lavoro

Al momento si sono costituiti due gruppi di lavoro:

  1. gruppo fresco
  2. gruppo prodotti non alimentari

Per entrambi i gruppi si è tenuta una prima riunione. Del gruppo produttori non alimentari Aldo ha già inviato una mail con un dettagliato resocontoAldo0903.
Nella riunione del gruppo fresco si sono esaminati nuovi fornitori alcuni proposti da Sergio De Stasio (presentato da Massimo) che ha proposto un’azienda a Carinola (sig. Urzo), un piccolo produttore a Napoli (vallone San Rocco), uno a Chiaiano (zona stazione metropolitana); altri fornitori incontrati a Casacuma, sono Peppino Polverino (Monte Sant’Angelo) e Pasquale Farina di San Marzano sul Sarno. Si è fatto un primo calendario di incontri per valutare i vari produttori e compilare la scheda con la nostra griglia di valutazione. Il primo incontro è fissato per lunedi 16 con il sig. Urzo di Carinola che ha manifestato l’urgenza di conoscere eventuali nostre esigenze per calendarizzare la propria attività.
Durante la riunione si era discusso anche sui criteri ai quali dare maggiore priorità, ed in particolare erano risultati come prioritari la vicinanza a Napoli e le caratteristiche ambientali. Tale argomento è stato ripreso e ampiamente ridiscusso durante la riunione odierna da cui è emerso che alcuni ritengono prioritario il criterio ambiente, altri il criterio vicinanza (per sfiducia nella possibilità di avere delle certezze sulla qualità ambientale dei prodotti).
Comunque, nella ricerca del produttore di fresco l’obiettivo è quello di trovare più di un produttore, sia perché il gruppo gas cresce, sia per aumentare la varietà dei prodotti.

Paola, Roberta e Sara si offrono per formare un piccolo sottogruppo, nell’ambito del gruppo del fresco, che cercherà di analizzare in maniera un po’ più tecnica i dati disponibili sull’ambiente.

Francesco Loi si presenta come rappresentante di un nuovo gruppo di cinque piccoli produttori, costituitosi da poche settimane a Napoli che ha intenzione di coltivare una terra, ora prevalentemente incolta, compresa tra Sant’Eframo Vecchio e Capodimonte. Il gruppo di produttori fa capo a Ezeldin, con il quale già in passato il gas ha avuto contatti. Massimo fa presente che con la precedente gestione il gas ha tentato di costruire con Ezeldin una relazione che però non ha funzionato e pertanto esprime le sue perplessità al riguardo. L’assemblea si riserva di valutare e fare un sopralluogo presso questi nuovi produttori tra qualche mese quando sarà avviata la produzione.

Si riaffronta anche il problema dell’attenzione che deve essere rivolta alla manodopera; nonostante questo sia uno dei criteri della nostra griglia di valutazione, risulta oggettivamente difficile avere garanzie sulla correttezza dei produttori nei confronti dei lavoratori. Cercheremo quindi di ottenere le informazioni per quanto possibile.

2 valutazione prodotti in corso

Mozzarella
Caseificio i Due Pini: Pasquale illustra gli esiti del sopralluogo e dei contatti successivi con il caseificio I Due Pini (Capua). Appurata la qualità del prodotto e la convenienza dei prezzi, il problema non ancora risolto riguarda il trasporto e la consegna, in quanto alcune possibilità prospettate durante l’incontro non sono realizzabili. Bisogna quindi valutare la possibilità di affidarsi ad un corriere espresso. Si è prospettata anche, senza successo, la possibilità di creare una turnazione tra i vari partecipanti per andare a ritirare la mozzarella.

Si riprende il discorso sulle garanzie relative alla qualità dei prodotti. Maurizio Castaldo ci illustra i principi ed i criteri del consorzio mozzarelle dop e le modalità con le quali vengono effettuati i controlli. Come al solito la situazione è deprimente.
Dopo vari chiarimenti ed ampia discussione, l’assemblea decide di affidarsi alla competenza ed alle conoscenze di Maurizio. Tra i possibili caseifici da valutare Maurizio cita il caseificio delle Rose (Frattamaggiore) e il caseificio Barlotti (vicino masseria Lupata) che però non fa parte del consorzio. Maurizio comunque ci fornirà via mail una rosa di possibili produttori che saranno valutati dai referenti mozzarella (Pasquale, Ernesto e Anna).

Pelati
Giorgio ha contattato la ditta Terra Mura e Fantasia.
Paolo illustra nuovamente lo stato delle ricerche, sostanzialmente poco di nuovo rispetto alla riunione precedente.
L’assemblea decide di comprare un campione di pelati delle varie marche identificate nella riunione precedente e fare una prova di gusto collettiva.
Prendendo spunto da una vecchia proposta di Emilio, cercheremo anche di individuare una serie di produttori disposti a realizzare i pelati per il gas. Iaia approfondirà la fattibilità della proposta di Emilio.
Nel frattempo Stefania farà una call per una prima stima della quantità di conserve di pomodori richieste dal gas.

**Scarpe astorflex **
Giovanna propone di fare un ordine di prova con un paio di scarpe per ogni numero richiesto da più persone in modo che possa essere provato e successivamente fare un altro ordine per soddisfare tutte le richieste.

Pane
La proposta del pane di Montecalvo Irpino viene rimandata alla prossima riunione in quanto Ugo non è presente alla riunione.
Sara propone il pane Di Fenza, zona Chiaiano, che è molto buono, ma un po’ caro. Marina si offre per prendere del pane per provarlo e Sara di acquisire il listino con i prezzi per il gas e lo invierà alla lista.

Additivi eco per la pulizia e polvere per lavastoviglie
Alessandra Rocco riferisce che il gruppo Mondo Nuovo ha già fatto uno studio molto dettagliato sull’argomento; vi è poi il sito dei biodetersivi (biodetersivi.altervista.org) che fornisce informazioni molto dettagliate su detersivi, consigli utili, detersivi bio fai-da-te, etc.
Relativamente ai possibili fornitori, c’è un’azienda nata dal gas di Rimini, Officina Naturae, che tratta prodotti a basso impatto ambientale. In alternativa ci sarebbero i detersivi della Linea Ecor venduti presso Campania Felix e Natura Si’.
Alessandra invierà in lista i link ai siti utili ed il listino di Officina Naturae.

Informazioni sulla campagna "Diritto al cibo" (gruppo campagne)
È intervenuta Laura Prinzi, presidente CdA della Cooperativa E’pappeci, che ha illustrato la campagna promossa da CTM Altromercato con la quale il movimento del commercio equo e solidale si è impegnato a far conoscere le cause della fame e a proporre soluzioni concrete, in rete con tutti gli altri protagonisti dell’economia che credono in un’agricoltura ed un mercato del cibo diversi da quelli attuali.
Nell’ambito della campagna sono previste una serie di iniziative, quali le colazioni solidali. La cooperativa ne ha organizzata una per domenica 22 marzo alle 10,00 al KESTE’ sito al Largo San Giovanni Maggiore Pignatelli (Orientale).

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License