Relazione 2010

RELAZIONE AL BILANCIO 2010

Informazioni preliminari
Il presente documento ha lo scopo di illustrare e integrare i dati e le informazioni contenute nel rendiconto della gestione per l’anno 2010.
Il presente documento ha inoltre lo scopo di fornire indicazioni utili per analizzare e interpretare informazioni qualitative, quantitative e monetarie sull’attività dell’Associazione, nonché per monitorare, valutare, programmare e stabilire obiettivi conformi ai valori etici che caratterizzano la nostra Associazione.
Nella preparazione del rendiconto e nella rappresentazione dei risultati raggiunti la nostra Associazione si è ispirata ai principi di:
inerenza;
completezza;
prevalenza della sostanza sulla forma;
coerenza;
correttezza e attendibilità;
imparzialità (neutralità);
verificabilità dell’informazione.
La valutazione delle voci di rendiconto è stata altresì ispirata a criteri generali di prudenza e competenza, nella prospettiva della continuazione dell'attività.

Criteri di formazione
In armonia alla disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale, di cui alla Legge n. 383/2000, ed in funzione dell’attività svolta - in termini di complessità, tipologia, volumi, etc. - la nostra Associazione ha adottato un sistema di rilevazione e rappresentazione dei risultati della gestione basato sul criterio di “cassa” (o finanziario puro), procedendo alla esposizione ordinata delle entrate e delle uscite del periodo, ed alla riconciliazione di tali valori di flusso con i fondi finanziari di riferimento di inizio e fine periodo.
E’ stato dunque adottato uno schema di rendiconto gestionale meramente finanziario nel quale sono rappresentate le varie tipologie di entrate ed uscite e la liquidità iniziale e finale.
Inoltre, atteso che l’Associazione è stata costituita il 10/7/2009, non appare significativo raffrontare i dati consuntivi 2010 con quelli 2009 in relazione al minore arco temporale di attività del precedente anno.

Informazioni sulle voci di entrata/ricavi

Quote associative
Ammontano a € 840,00 le quote versate nel corso dell’anno. Si ricorda che per il 2010 l’assemblea dei soci del 26/4/2010 ha stabilito in € 10,00 l’importo della quota associativa annuale.

Contributi per attività istituzionali versati da soci
I contributi da soci (voce 2.1) pari a € 1.943,90 corrispondono alla contribuzione volontaria degli associati, destinata sia alla copertura dei costi di gestione per il funzionamento dell’Associazione sia a iniziative e attività istituzionali, compatibili con i fini dell’associazionismo di promozione sociale.
I versamenti dei soci per attività statutaria (voce 2.6) pari a € 32.517,05 sono in relazione agli apporti effettuati dagli associati a fronte degli acquisti collettivi e in un’ottica di consumo critico di beni, alimentari e non, di uso comune, da ridistribuire tra i soci medesimi. Servono ad assicurare all’Associazione le disponibilità necessarie per il pagamento delle relative forniture.

Altre entrate
Tra le altre entrate è registrato (voce 8.2) il modesto importo di € 0,86 degli interessi attivi maturati sul conto corrente dell’Associazione accesso presso la filiale di Napoli di Banca Etica.
Si specifica che nel corso del 2010 non è stata svolta - anche in forma ausiliaria e sussidiaria rispetto ai fini istituzionali - alcuna attività commerciale.

Fatti di rilevo successivi alla chiusura dell’esercizio
Tra gli eventi di rilevante interesse per gli stakeholder interventi successivamente alla chiusura dell’esercizio, si segnala che l’assemblea dei soci del 14/1/2011 ha approvato la modifica della quota associativa unitaria, che da “personale” diventa “familiare” al fine di venire incontro ai soci che appartengono allo stesso nucleo familiare. Allo stesso tempo si è deciso di aumentare la quota associativa unitaria e, contestualmente, eliminare i contributi volontari versati in proporzione agli acquisti effettuati, a far data dal 1° gennaio 2011. Con successiva delibera del 21/2/2011 i soci hanno stabilito nella misura di €30,00 la nuova quota associativa unitaria da versare per l’anno in corso.

Informazioni sulle voci di uscita/costi
Si segnala, preliminarmente, che nel corso del 2010 non vi sono stati rapporti di lavoro dipendente/assimilato o autonomo per l’espletamento delle attività sociali.
Sono stati corrisposti ad associati € 104,84 per rimborsi spese (voce 1) sostenute per attività istituzionali.
Sono state addebitate spese per servizi bancari (voce 4.1) per complessivi € 348,00, di cui: spese gestione conto € 228,00, commissioni bonifici € 46,20, spese per bollo € 73,80.
Nel corso del 2010 sono stati effettuati i seguenti acquisti di beni:
di consumo (voce 6.1) per € 15,50 (cancelleria, ecc.);
durevoli (voce 6.2), ovvero che possono essere utilizzati più volte per le attività sociali, pari a complessivi € 539,40, di cui:
€ 442,80 per l’acquisto del gazebo impiegato in occasione delle Piazze di Economia Solidale (PES) e di altre iniziative istituzionali,
€ 96,60 per l’acquisto di arredi (tavoli, scaffalature) e altri beni necessari per il funzionamento dell’Associazione.

Le altre uscite si riferiscono a:
voce 10.3: contributi a fini di solidarietà per complessivi € 1.029,00 di cui:
€ 900,00 versati alla Cooperativa ‘E Pappeci, come da delibera dell’assemblea dei soci del 15 ottobre 2010;
€ 100,00 versati al Centro Hurtado, che opera nel medesimo territorio del nostro “gasetiello Scampia” per la riqualificazione di tale quartiere attraverso la crescita culturale e l’inserimento al lavoro dei giovani ivi residenti;
€ 29,00 versati all’Associazione Tarsia in occasione della nostra Assemblea tenutasi il 12 febbraio 2010 presso la chiesa San Giuseppe delle Scalze, salita Pontecorvo 65;
voce 10.4: spese per manifestazioni e iniziative istituzionali pari a € 266,15 sostenute per la partecipazione alla Piazze dell’Economia Solidale;
voce 10.5: pagamenti ai fornitori di beni per € 30.735,53 ripartiti su 24 aziende. Di seguito si elencano i principali fornitori, che nel complesso hanno assorbito circa l’85% dei pagamenti effettuati nel corso dell’anno:
azienda agricola biologica Pasquale Verrone per € 4.992,25 (olio, vino, fichi);
azienda agricola biologica Madrenaturabio di Squitieri Marialuisa per € 4.953,12 (“fresco”);
azienda agricola biologica Ciaolatte per € 3.992,38 (parmigiano);
cooperativa Fuori di Zucca per € 2.936,43 (fresco);
azienda agricola biologica Montagnana per € 2.508,86 (parmigiano);
pastifici Faella e Setaro per € 2.384,07 (pasta);
azienda agricola biologica Giovanni Pucciarelli per € 2.067,04 (fresco, formaggi);
azienda agricola Emilio Mirabella per € 1.097,19 (agrumi, vino);
azienda agricola Eduardo De Luise per € 952,64 (legumi, vino);
caseificio I due Pini per € 659,50 (mozzarella e altri latticini).

Il grafico che segue illustra la ripartizione delle uscite per gli “acquisti collettivi” in tutto il 2010.

Il 97% circa degli acquisti afferisce a prodotti alimentari, tra i quali incidono maggiormente per valore di spesa: il “fresco” (35%), i formaggi (24%, di cui il solo acquisto di parmigiano rappresenta il 21% del totale), l’olio (extra-vergine) / olive dell’azienda Verrone (16%) la pasta (8%). Gli altri acquisti alimentari comprendono prodotti diversi, tra cui: vino, aceto, legumi, birra, ecc.: nel complesso rappresentano circa il 14% delle uscite dell’anno per acquisti collettivi. Gli acquisti non alimentari pesano per solo il 3% e si riferiscono a calzature (Astorflex € 598,00) ed a detersivi (Officina Naturae €297,98).
voce 10.6: spese varie non documentate pari a € 45,48.

Risultato di gestione
La differenza tra le entrate e le uscite finanziarie dell’anno determina un avanzo di gestione di € 2.217,91 che, in accordo con i principi mutualistici e la disciplina delle APS, non viene distribuito ai soci, ma destinato ad essere reinvestito a favore di attività istituzionali previste dallo statuto.

Liquidità finale

La liquidità al 31.12.2010 ammonta a € 9.744,66, di cui € 9.338,66 quale saldo attivo del c/c bancario acceso presso Banca Etica e € 406,00 quale consistenza di cassa.
Detta liquidità è riconducibile per € 5.706,33 al saldo degli anticipi versati dagli associati in c/acquisti beni, e per complessivi € 4.038,33 alle somma delle quote associative versate a tutto il 31.12.2010 e del saldo contributi volontari dei soci. L’importo di € 4.038,33 rappresenta quindi l’effettiva disponibilità da utilizzare per la gestione dell’associazione e le iniziative di promozione sociale coerenti con le finalità statutarie.

Relazione di missione

Nel 2010 la nostra Associazione ha avuto 84 soci iscritti. Si è registrato un ricambio della compagine associativa, abbiamo avuto nuovi iscritti, ed alcuni sono andati via. Il turnover è comunque fisiologico, e si registra una costante lenta crescita. Ci sembra opportuno tuttavia soffermarci brevemente sulle motivazioni di uscita di alcuni soci.
La maggior parte dei casi sono legati all’impossibilità a tenere dietro alle nostre molteplici sollecitazioni, che mettono ansia a chi riesce a partecipare poco alla vita della nostra associazione: diamo la sensazione di pretendere molto e di avere meccanismi complicati.
Per alcuni, risultiamo un gruppo troppo compatto e “vischioso” all’ingresso di nuove persone.
Molti lamentano la difficoltà logistica a ritirare i prodotti ordinati.
Tutti lamentano il senso di affanno legato alla mole di email ricevute, anche su fatti personali di interesse non di tutti.
Queste motivazioni offrono spunti di riflessione sul nostro funzionamento come gruppo.
Per quanto riguarda le email, il problema sarà risolto in parte con il rifacimento del sito, e alla maggiore attenzione di tutti nel dirottare le discussioni nel forum.
Per quanto riguarda la difficoltà ai nuovi inserimenti, bisogna aumentare le occasioni conviviali, e incentivare la partecipare alle stesse.

Discorso a parte va fatto per i gruppi di Scampia e Fuorigrotta, ma se ne parlerà in dettaglio più avanti.

Dal punto di vista logistico, l’Associazione si è costituita in gasetielli, attualmente sono 4: Centro, Fuorigrotta, Vomero/Arenella e Scampia.
Dal punto di vista funzionale, siamo organizzati i gruppi di lavoro, per prodotti o temi di interesse. Nel corso del 2010 ci eravamo ripromessi di costituire i seguenti gruppi:
Prodotti freschi,
Formaggi, salumi e carne,
Conserve di pomodoro,
Pasta, farine e cereali,
Olio e vino ,
Pesce fresco e sott'olio ,
Detersivi,
DES,
Formazione.

I gruppi si sono formati in base alla disponibilità delle persone, alle loro competenze e all'affinità che sentono di avere con il prodotto o tema specifico. Non tutti gruppi si sono formati realmente, e i più attivi sono stati il gruppo fresco e il gruppo DES.
In particolare, il gruppo DES è riuscito a stimolare la nascita ad aprile 2010 delle PES (Piazze dell’economia solidale) favorendo la messa in rete di associazioni locali, produttori e gruppi di cittadini.
Questa classificazione è stata tuttavia utile per procedere all’individuazione di nuovi fornitori/prodotti che hanno portato nel corso dell’anno a costruire relazioni per effettuare nuovi acquisti, come per il tonno siciliano.
Per il 2011 si è deciso di unificare i gruppi fresco e formaggi in un solo gruppo di lavoro, che a mano a mano affronterà i temi di interesse individuati dall’assemblea e si muoverà alla ricerca di nuovi fornitori.

La rete di relazioni dell’Associazione nel corso del 2010 si è densificata, anche se si registra la perdita di alcuni fornitori. Si ricorda infatti che nel corso del 2010 si è interrotto il rapporto con Fuori di zucca, uno dei nostri fornitori di fresco, per vari motivi: la varietà dei loro prodotti era ridotta, e in alcuni periodi non erano in grado di soddisfare le nostre richieste, che venivano compensate in parte dall’offerta di Maria Luisa (Azienda Corrado). Avevano difficoltà ad effettuare la consegna settimanale ai gasetielli, e non siamo riusciti a trovare una soluzione adeguata e conveniente. Infine, hanno ritenuto che la vendita ai gas non fosse per loro strategica. Ciò ha portato al consolidamento della relazione con Maria Luisa e alla creazione di nuove relazioni, prima fra tutte con Giovanni Pucciarelli, da inziale fornitore solo di carciofi, è diventato fornitore di molti prodotti e ha saputo costruire pazientemente e con grande disponibilità un rapporto fiduciario con noi e con il DES, essendo disposto a rischiare, per tentativi ed errori, soluzioni che ci inventiamo di volta in volta ai problemi logistici e non solo.
Anche la relazione con Maria Luisa si è consolidata e rafforzata, grazie alla condivisione del progetto DES, nato nel 2010 e in evoluzione costante.
Un’altra relazione particolare che si è instaurata quest’anno è con alcuni produttori di Agerola. Li abbiamo conosciuti nel 2010 in occasione di un invito della Proloco ai vari GAS locali, e da allora la relazione è cresciuta su vari fronti. Li abbiamo coinvolti nelle PES. A settembre siamo andati, in vari appuntamenti, da Anna, una produttrice agricola locale, e abbiamo fatto insieme le conserve di pomodoro. È stata una bella esperienza, ci auguriamo di ripeterla.
Se si può fare una riflessione conclusiva, appare evidente che le relazioni che si sono rafforzate sono quelle che si sono aggregate intorno all’esperienza del DES. L’occasione di condividere un progetto comune ha dato modo di frequentarsi abitualmente in occasione delle PES, e questo ha fornito l’opportunità di conoscere e costruire legami sia con nuovi produttori che con altre associazioni attive sul territorio. Si allega la relazione del gruppo DES per un maggiore dettaglio, sia delle attività svolte che di quelle programmate per il 2011.
Si allega anche la relazione del gruppo fresco, per maggiori dettagli su quanto fatto nel 2010 e quanto programmato per il 2011.

Nel corso del 2010 abbiamo partecipato a vari eventi, con nostro banchetto spesso unificato a quello della Bottega:
evento organizzato dalla Pro Loco di Agerola insieme all’Istituto alberghiero per creare un’occasione di incontro fra produttori locali ed i gas campani (febbraio) : siamo stati contattati dalla prof. Alessandra Balduccini e da Rocco Naclerio. Tale evento ha poi visto un incontro successivo durante il quale abbiamo potuto visitare varie aziende (che sono quelle che attualmente partecipano alle PES);
a Scampia, all'interno della manifestazione “vediamoci a Scampia–La fiducia e i pregiudizi” , abbiamo organizzato il Dibattito pubblico su "Acqua, bene pubblico o merce?" con interventi di:
Maurizio Montalto (avvocato dell'ufficio legale di Legambiente),
Luciano Ferrara (professore di Chimica Ambientale - Università Federico II di Napoli),
Giuseppe Saviano (ingegnere chimico) e un esponente del Comitato Acqua Pubblica (maggio);
8 maggio Giornata Commercio Equo con partecipazione alla manifestazione a Piazza dante
Giornata dedicata ai Diritti, organizzata da Amnesty International Napoli (29 maggio): siamo stati contattati da Mario Polizzi .
Istituto Genovesi, intervento formativo sul commercio equo attraverso un gioco di gruppo: contatto Dario .
A dicembre si è rinnovata la presenza alla manifestazione Le Botteghe del Sociale organizzata dal Comune di Napoli. A parte lo spiacevole incidente della devastazione (fortunatamente per noi senza danni) di alcune postazioni tra cui la nostra a causa di una tempesta notturna, l’evento è stato interessante perché è stato possibile realizzare il dibattito pubblico “Da nord a sud, vecchie e nuove esperienze dei gruppi di acquisto solidale” con l’intervento di A. saroldi (GAS Torino) e F. Giacinti del GAS X Municipio di Roma che ci ha consentito di confrontarci con altre esperienze nazionali. In quella occasione è stato anche possibile incontrare alcuni GAS campani con i quali ci si è riproposti di incontrasi successivamente (in occasione dell’evento “Genuino clandestino”) per costruire una base di collaborazione
Nel corso dell’anno sono stati effettuati tre incontri con gruppi che avevano mostrato interesse nei confronti dell’attività di acquisto consapevole. I gruppi facevano capo alla parrocchia di Sant’Antonio Abbate di Via Foria, al B&B Pulcinella sempre di via Foria e all’associazione Genitori Bambini Prematuri Il Bruco dell’ospedale Annunziata. Nonostante l’interesse mostrato durante l’incontro, non c’è stato, per il momento, seguito.

Ci fa piacere allegare alla relazione di quest’anno, che è la prima bella “sistematiella e accunciatella”, alcuni file recuperati da Massimo e che ci fanno capire da dove il nostro gas è partito tanti anni fa.

Abbiamo inoltre organizzato dei pranzi o cene/ assemblee tipo da Emilio sull’Averno, nella chiesa di salita Pontecorvo (sede dell’associazione Tarsia) a febbraio (…..ci siamo puzzati di freddo e gli abbiamo regalato una bombola del gas e come al solito ci siamo abboffati).

Sono nate tre “friarielline” : Amanda, Giorgia Diana ed Elena dando luogo ad una sperimentazione selvaggia sull’uso di pannolini lavabili e fasce che da Costanza arriveranno fino ai prossimi nati nel 2011……..

Abbiamo festeggiato insieme i compleanni di Giovanna, Loredana e Maurizio per un complessivo di 153 ….anni .

Abbiamo fatto innumerevoli incontri, riunioni, assemblee, direttivi, cene, svaghi in varie case e luoghi della città…………

Insomma non ci siamo fatti mancare niente avanti tutta per il 2011 !!!!!!!!!!

Ci saranno sfuggiti degli eventi…..ma l’età avanza . per il 2011 potremmo cercare di individuare qualcuno che si faccia carico di portar memoria di tutti gli eventi a cui partecipiamo

Unless otherwise stated, the content of this page is licensed under Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License